Mad world

June 17th, 2011 by

Sono rimasto scioccato da questa intervista di un certo Peter Singer:
"Non tutti gli umani hanno diritto alla vita soltanto perchè sono umani."
"La morte del feto e del bambino è una tragedia per i genitori non per il feto o il bambino; il torto consiste nel danno alla donna incinta."
"Perchè limitare l'uccisione all'interno dell'utero?".
Vi immaginerete che sto parlando del successore di J Mengele, e in effetti io non ci vedo la differenza. 
Invece è il figlio di ebrei sterminati a Treblinka che porta avanti la filosofia dell'antispecismo, ossia alcuni animali hanno più diritti di alcuni uomini e propone di cambiare il decalogo biblico che vieta di uccidere un innocente.
Ma non è un pazzo, è professore a Princetown ed è stato invitato dall'Unicef (!) a parlare di filantropia!
Questo il Comunicato di Militia Christi:

Evidentemente ad alcuni la storia non ha insegnato nulla, visto che l'Unicef ospiterà questo pomeriggio, nella sede romana di Via Palestro, una conferenza del "filosofo" Peter Singer, famoso per le sue teorie (e per la grande influenza sui governi mondiali) che nulla hanno da invidiare al "medico" nazista Mengele. 

Afferma Peter Singer: "I bambini handicappati non sono persone, è lecito ucciderle", "Se si vuole un altro figlio, è giusto eliminare quello Down", "Cosa c'è di sbagliata nell'omicidio?", "Alcuni bambini con gravi disabilità devono essere uccisi", "I feti, i bambini appena nati e i disabili sono non persone, meno coscienti e razionali di certi animali non umani. E' legittimo ucciderli", "Perchè limitare l'uccisione dentro il corpo della donna? E' ipocrita far abortire all'ottavo mese e non consentire l'eutanasia neonatale", "Il neonato disabile deve essere ucciso prima possibile, poichè poi si sviluppa un legame troppo forte tra la madre e suo figlio".

Di fronte a questo intollerabile attacco sistematico contro la vita umana, alcuni rappresentanti del movimento politico cattolico "Militia Christi" si recheranno alle h. 18.30 davanti la sede dell' Unicef per contestare, con un volantinaggio, la conferenza. Il volantino si intitolerà:" Unicef: B. Singer = J. Mengele = (simbolo delle svastica)".

Il Movimento denuncia, inoltre, la gravissima ipocrisia di associazioni che si spacciano per difensori dei diritti umani e per la filantropia, ma che poi, fanno loro tesi naziste che sostengono e propagano l'aborto, l'eutanasia, fino ad arrivare al progetto nazista denominato T4 per lo sterminio dei disabili. Facciamo notare inoltre che queste tesi sono le stesse che utilizzano i fautori dell'eutanasia della povera Eluana Englaro.

Ufficio Stampa Militia Christi


Questo il volantino di Militia Christi consegnato ai partecipanti al convegno nella sede dell'Unicef di Via Palestro:


 

Posted in Senza categoria

One Response

  1. Sì all’infantidio? | Circolo Giovanile San Luigi IX

    [...] I ricercatori italiani all’Università di Melbourne Francesca MInerva e Alberto Giubilini percorrono la strada del tristemente noto Peter Singer contestato già durante il suo appuntamento romano all’ (ebbene sì!) Unicef [...]

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.