I "fondamentalisti" di Utoya

July 31st, 2011 by

Abbiamo parlato del carnefice, ora parliamo delle vittime:

Intervista del leader dei laburisti nell'isola di Utoya:

Intervista a cura di Alexander Stenerud - dagbladet.no.

Questa settimana circa un migliaio di membri dell’organizzazione dei Giovani Laburisti (AUF) si sono radunati all’isola di Utøya per discutere di temi politici. Giovedì a Utøya verrà Jonas Gahr Store per dibattere di Medio Oriente.

Il ministro degli esteri crede nel dialogo in merito al conflitto tra Israele e Palestina, ma il leader dell’AUF Eskil Pedersen ha un chiaro messaggio per il ministro.

«Ci piace che si parli ma, da come abbiamo visto, Israele non è interessata, e non ha ascoltato nessuna delle rimostranze che le sono state fatte. Il processo di pace è un vicolo cieco, e sebbene il mondo intero strepiti affinché gli israeliani vi si conformino, loro non lo fanno. Noi della Gioventù Laburista vogliamo un embargo economico unilaterale contro Israele da parte norvegese», dichiara Pedersen.

Il leader dei giovani laburisti sostiene che il dialogo non ha più nulla da offrire di fronte a Israele, e ritiene che sia l’ora che si adottino nuovi tipi di misure. Pedersen considera che le autorità israeliane si sono spostate così tanto a destra che risulta impossibile avere alcun colloquio con loro.

«La Norvegia ha poche opportunità di esercitare in qualche modo un’influenza, e non siamo vicini ad alcuna pace in questo conflitto. Semmai il contrario. Israele si è spostata estremamente a destra, il che fa sì che scarseggino i partner dialoganti. Oserei dire che perfino i responsabili della politica estera del Partito del progresso (la formazione conservatrice liberale norvegese, NdT) faticheranno assai per trovare interlocutori in Israele. Non c’è più alcun filo diretto. Quel che intendo dire è che dovremmo parlare con chiunque, ma non possiamo sacrificare i nostri principi e le nostre politiche tanto per parlare».

La Gioventù Laburista è stata a lungo in favore del boicottaggio di Israele, ma la decisione all’ultimo congresso, che richiedeva che la Norvegia imponesse un embargo economico unilaterale del paese, era più netta che in precedenza.

«Riconosco che questa sia una misura drastica, ma ritengo che essa dia una chiara indicazione del fatto che siamo stanchi del comportamento di Israele. Larghe parti del mondo reagiscono in ogni momento, ma Israele non ascolta. Penso che la decisione sia un segno che noi dell’AUF diffidiamo di Israele, semplicemente».

Fonte: http://www.dagbladet.no/2011/07/20/nyheter/politikk/innenriks/auf/17367745.

 

Traduzione dal norvegese a cura di Padore Eltili.

La Norvegia è tra i paesi che ha riconosciuto lo stato palestinese ed ha annunciato che nella prevista votazione all’ONU, a settembre si schiererà a favore della creazione di uno stato palestinese;

La Norvegia ha annunciato il suo ritiro dalla guerra di Libia;

La Norvegia, secondo fonte di Haaretz, lo scorso anno ha escluso, per ragioni etiche, due imprese isaeliane dalla partecipazione allo sfruttamento dei pozzi petroliferi del mar del nord;

Circa due anni fa, il senatore statunitense-ebreo Lieberman aveva accusato la Norvegia di promuovere l’antisemitismo

Posted in Senza categoria

2 Responses

  1. anonimo

    Ciao Armando.

    Ti devo dare alcune coseeeeeeeee!!!!!!!!!!!!

    ( è che sto a fà l'imitazione de RB http://www.youtube.com/watch?v=DkBkq4NU7Rs )

    Volevo solo farti presente che A.B. aveva una strana concezione su Putin e tutto l'eurosiberianesimo.
    Si sà che i russi pagano i partiti d'estrema destra , patiti del socialismo e del marxismo , mentre i partiti socialdemocratici sono tutti occidentalisti per definizione…

    Cheì sia probabile una futura saldatura?

    Sappiamo che il sionismo non è un monolite e che in Libia gli U.s.a. di Obama ( ergo con i sionisti di sinistra ) con gran parte della N.A.T.O appoggiano la fazione ribelle mentre Israele ( sionismo di destra ) appoggia Gheddafi.

    Daouda

  2. todikaion

    Daouda mandami una mail o chiamami pure…
    Armando

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.