Il principato ha detto sì alla vita

September 20th, 2011 by

Peccato on ci sia neanche un'ambasciata in Italia dove esprimere il proprio appoggio:

Nel Liechtenstein vince il diritto alla vita. Con il 52,3% di “no” e il 47,7% di “sì”, domenica scorsa i cittadini hanno bocciato il referendum in cui si chiedeva la depenalizzazione dell’aborto per le prime 12 settimane .

Nonostante le forti pressioni ricevute dall’estero e dai sondaggi nazionali che prevedevano una vittoria del fronte favorevole, il popolo si è opposto in maggioranza. Attualmente nel Principato l’uccisione del nascituro è vietata ed è punibile con una pena fino ad un anno di detenzione, anche se praticato all’estero. Da anni comunque non ci sono state condanne.

In Parlamento, riporta Zenit.it, solo una minoranza aveva accettato l’iniziativa per legalizzare l’aborto.  In agosto, il principe ereditario Alois aveva comunque dichiarato che anche se avessero vinto i favorevoli, non avrebbe mai approvato tale legge (cfr. Ultimissima 22/8/11).

Recentemente ha ribadito che la soluzione a un figlio indesiderato non può essere l’eliminazione stessa del bambino. Per questo ha auspicato che si trovino altre forme per aiutare le donne che portano a termine una gravidanza non voluta. Anche la Chiesa aveva ovviamente espresso la propria contrarietà.
(UCCR)

 

Posted in Senza categoria

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.