Dall'omofobia alla perversione

October 31st, 2011 by

Altro allarme omofobia, altra bufala (molto problabile).
Questo "rischio" non ha fermato i titoloni dei giornali che paralvano di discriminazione.
I fatti: una donna lesbica è andata a donare il sangue e dopo il colloquio è risultato che il suo rapporto sarebbe risultato a rischio di malattie veneree.
Il fatto sarà successo mille e mille volte e il potenziale donatore sarà tornato a casa come se nulla fosse, d'altronde non gli hanno levato nulla, nel vero senso della parola.
Ma se la protagonista è lesbica ecco il caso…che sia una situazione di paranoia sociale quella di certi gay a me pare sia sempre più chiaro. E se la realtà gli va contro, si forza la realtà!

Ora, vi ricordate la scuola che vieta le distinzioni di genere?

Che ci sia un progetto in atto per pervertire la società può apparire più chiaro combinando quest'altra tessera del mosaico:
La notizia è stata riportata dal SonntagBlick, dove si legge che saranno una trentina le classi che riceveranno il materiale pedagogico. Materiale di due generi: le scatole per i piccoli di età compresa fra i 4 e i 10 anni (bamboline, puzzle e video) e le confezioni per i maggiori di 10 anni, che saranno più esplicite: peluches a forma di vagina e pene in erezione. Quest’ultimo sarà presente anche in una versione in legno.
ticinoweb

Come disse de Sade: “Se vuoi il potere, promuovi il vizio” .

Quando la Chiesa, nelle sue omelie, tuona contro questo potere oscuro viene tacciata di omofobia, come in questo caso (l'omelia è in spagnolo, ma si capisce):

El hombre contemporáneo se aparta de este proyecto de Dios cuando se deja contagiar por la mentalidad anticonceptiva de nuestra época. En muchos ambientes y en muchos corazones la aspiración es a disfrutar lo más posible de la sexualidad humana como fuente de placer, evitando a toda costa el nacimiento de un nuevo hijo en el seno de la familia. Esta mentalidad no es nueva, es tan vieja como el hombre. Pero en nuestros días se ha acentuado, empleando para ello los medios técnicos al alcance, que hoy son mayores que en otras épocas: la píldora anticonceptiva y todos los métodos químicos o artificiales para impedir la fecundación, llegando incluso a la esterilización masculina o femenina que convierte al varón y a la mujer en un simple objeto, perdida ya su dignidad de persona humana.

El “ministro” de la familia en el gobierno del Papa, el cardenal Antonelli,  me comentaba hace pocos días en Zaragoza que la Unesco tiene programado para los próximos 20 años hacer que la mitad de la población mundial sea homosexual. Para eso, a través de distintos programas, irá implantando la ideología de género, que ya está presente en nuestras escuelas.

Es decir, según la ideología de género, uno no nacería varón o mujer, sino que lo elige según su capricho, y podrá cambiar de sexo cuando quiera según su antojo. He aquí el último “logro” de una cultura que quiere romper totalmente con Dios, con Dios creador, que ha fijado en nuestra naturaleza la distinción del varón y de la mujer.

Per la cronaca, lo stesso Vescovo di Cordova, Demetrio Fernandez, che aveva pronunciato questa omelia nella festa della Sacra Famiglia dell'anno scorso, è ancora sotto ai riflettori per aver concesso un'intervista in cui dice che l'unione omosessuale è contro la legge naturale e chiede al prossimo partito al governo (i sondaggi dicono i popolari) di tenerne conto.
 

Posted in Senza categoria

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.